Associzione LISten

Sede legale: Via Cerrino, 1 - 13044 Crescentino (Vc)

Tel.: 3497023024 / 3409506264 / 3481262983

C.F.: 94039090025

E-mail: listen.associazione@gmail.com

Social
  • Facebook Social Icon
  • instagram
  • YouTube Social  Icon
Please reload

Post recenti

Bambini, esplorate le differenze!

April 4, 2017

Non capita spesso di aprire facebook e trovare cose belle... oggi mi sono imbattuta in una poesia condivisa, non a caso, da uno dei più bravi maestri di sostegno che abbia mai incontrato sulla mia strada lavorativa.

Comunque, “Piccolo Principe” questo è il titolo, circola da tempo sul web, e l’autrice si chiama Germana Bruno.

 

La poesia spiega con semplice intensità l’autismo, ma secondo me si presta bene anche per descrivere la situazione che vivono molti bambini sordi.

 

Una poesia che invita ad andare oltre al silenzio, a volare oltre ad un modo “diverso” o forse inusuale di comunicare e ad entrare in un mondo nuovo che riserverà tante sorprese belle per il cuore. 

 

Intraprendere un viaggio, come un esploratore sulla sua navicella spaziale….

 

 

Buona lettura!

 

 

Ѐ piccolo il mio mondo e ci sto soltanto io,

 

non parlo o ti confondo con strano chiacchierio,

 

saltelli e gesti strani col corpo e con le mani e fisso su qualcosa lo sguardo mio si posa,

 

ti chiedi cosa penso, ti sembro senza senso.

 

Son alte e forti mura costruite intorno a me,

 

ti faccio un po’ paura, non sono come te.

 

Ѐ un altro mondo il mio e tu non riesci a entrare diversa lingua ho io e tu non sai capire.

 

Se solo vuoi provare, se prendi l’astronave,

 

potrai da me atterrare e forse anche capire, perché, in ogni viaggio,

 

un nuovo paesaggio ti apre gli occhi e il cuore,

 

per renderti migliore.”

 

 

In queste giornate di sensibilizzazione rispetto al tema dell’autismo, prendiamoci il tempo per spiegare ai nostri bambini di cosa si tratta.

 

Insegniamo ai nostri bambini il rispetto delle differenze tra esseri umani.

 

Che sia autismo, sordità, che sia il colore di capelli,  o il colore della pelle, che sia una diversa religione, una diversa lingua o caratteristiche fisiche particolari; 

 

insegnamo ai bambini a domandare senza imbarazzo, insegniamo loro a toccare e a sperimentare ciò che percepiscono come diverso.

Solo così la diversità non sarà più qualcosa di misterioso, lontano e spaventoso.

Solo così non sarà più qualcosa di cui avere paura.

 

Viviamo in una società in cui le diversità tra esseri umani rientrano nella quotidianità, insegniamo ai nostri bambini che la vera forza è nelle differenze, non nelle similitudini.

 

I bambini di oggi saranno gli adulti di domani, e allora sì, che forse, ci sarà speranza e non sarà più necessario colorare di blu i monumenti del mondo,  per ricordarci un giorno all’anno, che ogni essere umano ha dei diritti!

Share on Facebook
Share on Twitter
Please reload

Seguici
Please reload

Archivio
  • Facebook Basic Square
  • Twitter Basic Square
  • Google+ Basic Square
This site was designed with the
.com
website builder. Create your website today.
Start Now